O.N.G. - Extrême-orient(é)

Zentropasie

23 mai 2014

Francesi

34326563

Sono galletti, spocchiosi e sbruffoni (non a caso si dice “guascone”) e in più sono permalosi e stizzosi, sono pretenziosi e fanno generalmente attenzione al centesimo. Per tutte queste ragioni in Italia solitamente non li apprezziamo. Ma il fatto è che non li consociamo. Dei primi sette anni di latitanza ne ho passati almeno quattro e mezzo andando da una casa all'altra di Parigi o di Nizza, ospite per giorni e giorni di questa o quella coppia, di questa o quella famiglia: cose che in Italia non ce le possiamo neppure sognare. Quando venni arrestato in Austria i miei più stretti amici e camerati parigini, più o meno tutti di reddito modesto assai, fecero spontaneamente una colletta per consentire di pagarmi l'avvocato; in pochi giorni raggranellarono sette milioni di lire. In tutti i fronti ideali dell'Europa e della libertà, da quello palestinese a quello karen, abbiamo avuto un martire francese. E per non smentire le contraddizioni – tutte assolutamente spiegabili e comprensibili – sempre francese fu un martire europeo nel campo della Falange libanese in conflitto con i palestinesi. E chi difese fino all'ultimo il bunker dai sovietici? I francesi naturalmente.

Rappel : Le 4 octobre 1985, loin des nuits parisiennes qu'il passait naguère avec les bandes d'Assas au Bus Palladium, Jean-Philippe Courrèges, 28 ans et ancien du GUD, meurt au combat au fin fond d'une plaine birmane, où il soutenait la cause du peuple karen. Il avait reçu de ses compagnons de combat le surnom de « Lieutenant Bambou ».

Posté par ONG Webmastre à 08:00 - Commentaires [0] - Permalien [#]
Tags : , , ,

Commentaires

Poster un commentaire